Virtual Gallery Tour, l’esempio della Ophen Art di Salerno

Virtual Gallery Tour, l’esempio della Ophen Art di Salerno

eventi-virtuali-eventi-3d-advepa-tecnologia

VIRTUAL GALLERY TOUR – L’arrivo della pandemia del Coronavirus ha portato il mondo verso nuove direzioni, soprattutto in campo tecnologico. Non a caso, infatti, il divieto di assembramenti, ha dato la possibilità al virtuale di prendere piede e di farsi strada tra gli scettici e tra coloro che ancora non ne vedevano le potenzialità. In questo contesto, la scelta di alcuni musei di trasformarsi in veri e propri virtual gallery tour è stata strategica e ha portato già i suoi frutti.

Virtual Gallery Tour, la scelta della Ophen Art di Salerno

La Galleria Virtuale italiana di Arte Contemporanea di Salerno è diretta da Giovanni Bonanno ed ha organizzatato un viaggio virtuale per assistere alle mostre. Una piattaforma web online, dunque, che dà la possibilità a tutti di partecipare da qualsiasi parte del mondo, direttamente dalla propria abitazione. Il tema scelto, ovviamente, è quello del Covid-19, legato ai francobolli, in questo caso. A spiegare bene di cosa si tratta ci ha pensato Sandro Bongiani, che ha collaborato a questo particolare progetto.

Sandro Bongiani spiega l’iniziativa

“La mostra vuole indagare un diverso approccio all’arte, alle ricerche in atto. È un altro evento sul problema urgente della pandemia capitalistica globale da Coronavirus 2020 dal titolo “ARTISTAMPS / Interfolio all’Encyclopedie Covid-19”, con una lettura puntuale di come intendere l’Artistamps d’artista. Una indagine planetaria che vuole sottolineare la diversa creatività prodotta dagli artisti “marginali attivi” non uniformati al sistema ufficiale dell’arte. Lo scopo della mostra è stato quello di creare una serie di “Interfoli” collettivi, sei in tutto, per un possibile volume enciclopedico del problema COVID-19. Questo affinché si potesse aggiornare idealmente quel compendio del sapere sulla realtà naturale degli eventi e dei meccanismi che regolano e magari sconvolgono l’umana l’esistenza. Insomma, una sorta di pagina aggiuntiva inserita in un libro, in una nuova enciclopedia tra pagina e pagina. In questo caso i francobolli d’artisti pensati come un’interferenza e una presa di posizione tra i dati noti e meno noti della conoscenza umana”.

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}